Approccio allo sport

Tutti i paesi partner coinvolti nel progetto avvertono la necessità di stimolare il cambio della attitudine delle nuove generazioni, aumentando la loro consapevolezza nell’attività fisica a beneficio della salute, e promuovendo la loro attiva partecipazione allo sport di base.
Il progetto Oblomov offre una nuova scientifica metodologia finalizzata alla prevenzione dello stile di vita insano, combinando:
– HEPA, Health Enhancing Physical Activity: attività fisica intesa come attività “health-enhancing”.
– HIIT, High Intensity Interval Training e HIIE e High-Intensity Intermittent Exercise: esercitazioni fisiche ad alta intensità e intervallate

Gli esperti in attività fisica trasferiscono la loro conoscenza agli esperti di teatro, che decodificano i contenuti HEPA attraverso strategie artistiche di training e le trasferiscono a loro volta a nuove figure professionali: gli HEPA-and-Theatre Trainer (HEPA&TT).

Il nuovo metodo mette in collegamento gli studenti e il mondo dello sport con il fine di condurre almeno il 30% di questi nelle attività delle associazioni sportive di base.

Le basi scientifiche di questo innovativo approccio sportivo all’azione fisica sono gli High Intensity Interval Training (HIIT) and the High-Intensity Intermittent Exercise esercitazioni fisiche ad alta intensità e intervallate e basate su shocks fisici. Finora entrambi i metodi sono stati studiati dalla letteratura competente principalmente su adulti, e molto recentemente anche su adolescenti. Se ci sono evidenze promettenti a supporto degli HIIT in adulti, è in corso di elaborazione una ricerca relativamente ai giovani, specialmente nell’età cruciale dell’adolescenza. Gli adolescenti forse possono trovare gli esercizi ad alta intensità più naturali, più piacevoli e più facili da eseguire rispetto agli esercizi a moderata intensità tradizionalmente raccomandati. Esistono prove significative che supportano gli HIIT come una modalità di esercizio potenzialmente efficace nel contesto adolescenziale.  
Gli esercizi di HIIT e HIIE implicano sprint di forti intensità e di breve durata con intervalli di recupero a bassa o moderata intensità. Gli esercizi devono essere: brevi, ad alta intensità, piacevoli, flessibili, di durata efficace e condivisi.

Gli esercizi di HIIT e HIIE implicano momenti intensi di sprint di breve durata con intervalli di recupero a bassa/moderata intensità; “Oblomov Guidelines” vogliono stanare i preadolescenti dalla loro pigrizia e condurli verso l’HEPA.

L’esercizio deve essere breve (Short), ad alta intensità (High Intense), piacevole (Enjoyable), flessibile (Flexible), efficiente nel tempo (Time Efficient) e condiviso (Shared) (SHIEFTS).

  • Brevità: un breve e intenso esercizio è molto attrattivo per un giovane atleta inattivo poiché non si stanca troppo e non pensa “questo esercizio non è adatto al mio corpo“, ecc. Un breve esercizio di sprint dà un’autostima inaspettata e immediatamente gratificante quando è compiuto: un preadolescente inattivo che, per esempio, si piazza per primo in una gara di 20 secondi, riconosce immediatamente che, in un tempo molto breve, può facilmente ottenere risultati molto soddisfacenti e, se il giovane è anche sovrappeso o obeso o viene da una situazione svantaggiata, la soddisfazione è certamente ancora maggiore.
  • Alta intensità: l’intensità deve essere elevata per superare blocchi fisici e psicologici (si pensi al minore impatto di un MIIT – Moderate Intensity Interval Training – per i giovani inattivi). Questo è il motivo per cui è importante definire la durata minima e la frequenza di un attacco HIIT o di un esercizio HIIE (si veda oltre sotto l’efficienza temporale).
  • Piacevolezza: il godimento HIIT/HIIE è di gran lunga l’elemento più importante in quanto rappresenta una ragione per cui i preadolescenti dovrebbero essere tentati nel provare un’intensa attività fisica: “Gli adolescenti sono probabilmente motivati edonisticamente a partecipare all’esercizio fisico; quindi, aumentare la percezione del godimento degli esercizi attraverso l’uso di HIIT può indirizzare la motivazione intrinseca.
  • Flessibilità: l’impatto di HIIT/HIIE sull’intera fascia di età degli adolescenti deve essere studiato e testato sempre di più. Futuri studi e professionisti possono scegliere di adattare questi protocolli efficaci o creare nuovi programmi di formazione per i giovani.
  • Efficienza nel tempo: in un esercizio HIIT/HIIE è molto importante bilanciare sia la durata dell’esercizio fisico che i periodi di riposo, nonché la durata totale della sessione. Poiché l’efficienza temporale è di interesse fondamentale per l’HIIT, è di grande importanza determinare la durata entro cui cui si verificano i benefici per la salute grazie all’HIIT, specialmente se confrontati con SSE di lunga durata (si veda anche sopra, la formazione deve essere breve).
  • Condivisione: devono essere concordate anche le interruzioni di intensità e durata della sessione per sviluppare una chiara definizione di ciò che costituisce l’HIIT/HIIE e quali vantaggi comportano; per questo motivo le misure di formazione devono anche essere dichiarate e facilmente tradotte in pratica dai soggetti.

La metodologia di Oblomov sceglie i formatori sportivi di base, sia professionali che/o volontari (eventualmente provenienti dall’Università di Scienze dello Sport), per accogliere i giovani beneficiari in un nuovo percorso sportivo in cui le priorità della salute contano più della concorrenza agonistica. Più degli allenatori sportivi professionisti, i formatori non professionisti sono intenzionati ad accogliere l’approccio delicato e profondo della coscienza di sé proposta dal metodo Oblomov come un efficace processo emozionale e fisico per raggiungere una nuova coscienza di attività fisica “health-enhancing”.

Attraverso una formazione ad hoc guidata dagli HEPA & TTs, i formatori selezionati acquisiscono nuove conoscenze e competenze relativamente ai contenuti scientifici degli esercizi di HIIT-HIIE, che vengono decodificati dalle strategie teatrali del progetto. In questo modo vengono coinvolte non solo l’azione fisica, ma anche l’emozione propria del linguaggio del corpo, al fine di indurre i giovani inattivi ad essere consapevoli del proprio corpo, dei limiti e delle potenzialità d’azione. I giovani, soprattutto se sono in sovrappeso, spesso non hanno una corretta percezione del proprio corpo e hanno paura di praticare facili esercizi fisici. I gesti e movimenti comuni possono sembrare impossibili per coloro che, pertanto, rinunciano progressivamente a qualsiasi movimento e rischiano forme estreme di autoesclusione e di emarginazione. L’intervento dell’attività fisica “health-enhancing”, attraverso la metodologia del progetto Oblomov, può invece stimolare la presa di coscienza di uno stile di vita, olisticamente inteso, sano.

Share This